Al momento stai visualizzando Donne dell’hospitality: intervista a Giada Fagotti
  • Categoria dell'articolo:Interviste

Cosa significa essere General Manager di una società di consulenza e housekeeping in outsourcing nel settore dell’hotellerie? Quali sono le mansioni, gli oneri e le responsabilità di un ruolo da responsabile nell’ambito dell’hospitality? Di questi aspetti e di altre tematiche legate all’housekeeping ce ne parla Giada Fagotti, GM di Playhotel Next.

Quali sono le principali responsabilità del tuo ruolo come responsabile di un servizio di housekeeping in outsourcing?

Come responsabile di una società di consulenza alberghiera e di housekeeping in outsourcing, ricopro un ruolo sfaccettato e ricco di stimoli. La mia mission è quella di definire una strategia chiara e attuare un piano di sviluppo.

Ciò si traduce in una serie di responsabilità ben precise: sviluppo e gestione delle relazioni con i clienti, creazione di un team di professionisti altamente qualificati e motivati, supervisione delle operazioni per garantire standard di servizio impeccabili.

Non solo, mi occupo anche di ottimizzare i processi interni, implementando sistemi di controllo qualità rigorosi e garantendo la conformità a tutte le normative vigenti.

Cosa ti ha portato a specializzarti nel servizio di housekeeping in outsourcing?

La mia specializzazione nel servizio di housekeeping in outsourcing nasce da una duplice passione: quella per l’industria alberghiera e quella per le potenzialità offerte dall’outsourcing.

Credo fermamente che l’esternalizzazione del servizio di housekeeping possa rappresentare un valore aggiunto per gli hotel, permettendo loro di concentrarsi sui propri core business e di beneficiare di competenze specialistiche e di un’organizzazione efficiente.

Come garantisci che gli standard di pulizia e servizio siano mantenuti costantemente elevati nei diversi hotel o strutture con cui collabori?

Assicurare standard di pulizia e servizi sempre elevati in tutte le strutture con cui collaboriamo è una priorità assoluta per me e per l’intero team. Per raggiungere questo obiettivo, implementiamo diverse strategie:

  • Manuali di procedura dettagliati e formazione continua: ogni addetto alle pulizie è dotato di un manuale chiaro e completo che definisce nel dettaglio gli standard da seguire. Inoltre, offriamo una formazione continua per aggiornare il personale sulle ultime novità e sulle migliori tecniche di pulizia.
  • Sistemi di controllo qualità rigorosi: Ispezioni regolari, feedback degli clienti e audit interni ci permettono di monitorare costantemente la qualità del servizio e di individuare eventuali aree di miglioramento.
  • Comunicazione aperta e collaborazione: rediamo in una comunicazione fluida e collaborativa con i clienti. Siamo sempre a disposizione per comprendere le loro esigenze e lavorare insieme per garantire un servizio impeccabile che soddisfi pienamente le loro aspettative.
  • Utilizziamo strumenti tecnologici avanzati per ottimizzare i processi di pulizia, oltre ad assicurare al cliente la massima qualità dei prodotti e l’idoneità dei macchinari usati
Quali strategie utilizzi per motivare il tuo team e mantenere alto il morale, specialmente in un lavoro spesso considerato faticoso e poco riconosciuto?

Mi impegno a creare un ambiente di lavoro positivo e stimolante, dove ogni individuo si senta valorizzato, ascoltato e responsabilizzato, oltre che parte integrante di un progetto comune: garantire un servizio più ineccepibile possibile per i nostri clienti.

Quali sono le competenze e le qualità più importanti che ritieni siano necessarie per avere successo nel campo del housekeeping in outsourcing?

Il successo nel settore del housekeeping in outsourcing richiede una combinazione di competenze e qualità specifiche:

  • Competenze gestionali quali capacità di leadership, eccellenti doti organizzative, abilità nel problem solving e nella comunicazione efficace 
  • Conoscenza del settore alberghiero: è fondamentale avere una conoscenza approfondita degli standard di pulizia e servizio del settore alberghiero, delle normative di salute e sicurezza e delle ultime tendenze del mercato.
  • Abilità interpersonali, capacità relazionali, spirito di squadra e un forte orientamento al cliente sono essenziali 
  • La capacità di analizzare dati, identificare aree di miglioramento e ottimizzare processi è fondamentale per garantire un servizio efficiente e di alta qualità.
  • Flessibilità e adattabilità: la capacità di adattarsi a diverse esigenze, contesti lavorativi e culture è un requisito imprescindibile per avere successo in un settore dinamico e in continua evoluzione.
 
Quali consigli daresti a chi desidera intraprendere una carriera nel settore dell’ospitalità, e in particolare nel servizio di housekeeping in outsourcing?

Intraprendere una carriera nel settore dell’ospitalità richiede passione, dedizione e un impegno costante per la crescita professionale. È fondamentale coltivare un interesse genuino per l’accoglienza e il servizio, acquisendo solide basi di conoscenza attraverso corsi specifici per il settore alberghiero e l’housekeeping.

Di basilare importanza è ampliare il proprio network partecipando a fiere, convegni ed eventi dedicati, entrando così in contatto con professionisti esperti e creando relazioni utili per il futuro professionale.

Anche, e soprattutto, iniziare da un ruolo entry-level e crescere gradualmente consente di maturare esperienza e acquisire familiarità con le diverse sfaccettature del settore.

Potrebbe interessarti...

La storia che ci racconta Giorgia Weber, Area Manager della Toscana per PhN , parla di una donna che ha percorso gli step di una carriera nell’Housekeeping
Sono stati impegno, dedizione, e professionalità che hanno portato Luisa Di Benedetto a rivestire la mansione di housekeeping manager già all’età di 23 anni. Conosciamola meglio.