Al momento stai visualizzando Dentro le camere: quattro chiacchiere con Ivelina Kazakova
  • Categoria dell'articolo:Interviste

Consapevolezza, condivisione, collaborazione, un metodo operativo chiaro e la voglia di intraprendere nuovesfide. Oggi andiamo a conoscere meglio Ivelina Kazakova, Housekeeping Manager presso il Room Mate Giulia.  

Cominciamo dall’inizio: come è iniziata la sua carriera nel settore alberghiero e, in particolare, al Room Mate Giulia?

Con una laurea in statistica, mi sono trasferita in Italia dalla Bulgaria per imparare l’italiano e ho iniziato così la mia carriera nell’housekeeping, partendo come Cameriera ai piani fino a diventare Supervisor al Grand Hotel et de Milan. Al Room Mate Giulia, poi, mi è stata data l’opportunità di ricoprire la posizione di Housekeeping Manager sin dall’apertura, dunque quello del Giulia è un progetto che ho visto nascere e crescere. 

Lei è Executive del Room Mate Giulia Milano da 8 anni: come si sono evoluti gli standard e il servizio dopo la pandemia? Cos’è cambiato? 

Il servizio è cambiato con standard più alti di pulizia e sanificazione. La pandemia ha reso tutti più consapevoli, pertanto sia gli ospiti che le stesse risorse housekeeping prestano maggiore attenzione ad avere un ambiente più pulito, igienizzato, curato, ordinato.

Qual è l’approccio alla collaborazione con Playhotel Next? 

Anni di collaborazione di successo, stima e fiducia reciproca.

Quali nuove prospettive ha portato questa collaborazione? 

L’impegno a mantenere sempre alto il livello di servizio, garantendo un ambiente di lavoro collaborativo, di successo e sereno.

La collaborazione con un’azienda esterna ha influito sul suo lavoro? 

No, il mio scopo è di lavorare per raggiungere degli obiettivi comuni, insieme a Playhotel Next.

Cos’è cambiato a livello di formazione e consapevolezza nel suo team? 

Il mio metodo di lavoro è sempre stato quello di condividere la conoscenza, gli obiettivi e i risultati per essere tutti consapevoli e lavorare tutti insieme verso gli stessi risultati.

Come è stato contribuire alla nascita di nuovi Room Mate in altre città come Roma e Venezia? 

Un’esperienza bellissima, ho potuto condividere la mia conoscenza con i colleghi delle altre strutture, aiutare l’apertura e impostare un’organizzazione di successo.

Può condividere un esempio di come ha gestito una sfida significativa sul lavoro? 

Per Room Mate, gestisco una parte considerevole dell’amministrazione del reparto housekeeping. Nel corso degli anni sono stati introdotti nuovi sistemi operativi e amministrativi alla cui implementazione ho partecipato attivamente arricchendo le mie competenze professionali: una sfida che ho raccolto con soddisfazione.

Quali sono i suoi piani futuri? 

Il mio piano, che è anche quello del mio team e della struttura, è mantenere sempre alto l’indice di gradimento della clientela sulle camere. 

C’è qualche nuova iniziativa o progetto che la entusiasma e a cui vorrebbe dedicarsi? 

La formazione dei reparti housekeeping nelle nuove aperture Room Mate.

Che consigli darebbe a chi aspira a intraprendere una carriera simile alla sua? 

Paragonerei il lavoro in hotel al lavoro in teatro: l’housekeeper è come chi, dietro le quinte, si impegna per  per far raggiungere il migliore dei risultati a chi è sul palco. Chi desidera intraprendere questa carriera deve essere appassionato, concentrato, organizzato. 

Potrebbe interessarti...

Dialogo, chiarezza e precisione: sono gli ingredienti principali per costruire una squadra e una carriera di successo secondo Carmen Asavoaei, Housekeeping Manager presso il NYX Hotel Milan.